iscriviti alla newsletter

RESIDENZA D’ARTISTA 2014: MCZ + VIA FARINI DOCVA

Residenza d’Artista 2014

MCZ + Via Farini DOCVA

workshop 26 – 30 maggio 2014

Marco Basta, Alessandro Di Pietro, Michele Gabriele, Andrea Romano, Jonathan Vivacqua

Prosegue la collaborazione fra MCZ e due istituzioni italiane che operano a sostegno dei giovani artisti, Fondazione BLM (Venezia) e Viafarini DOCVA (Milano).
Le due istituzioni selezionano ogni anno artisti a cui MCZ offre un’intensa esperienza pratica nel campo della ceramica e la possibilità di entrare a far parte con le loro opere della collezione contemporanea del museo.

La vocazione fortemente sperimentale di questo luogo fin dai tempi di Carlo Zauli, caratterizza in maniera imprescindibile questi incontri con i giovani artisti, secondo modalità ogni volta nuove.

Nel 2014 la collaborazione con Viafarini DOCVA prenderà la forma di una residenza-workshop, grazie alla quale un gruppo di 5 artisti italiani emergenti selezionati da Simone Frangi e Marco Tagliafierro sarà ospite del museo per una settimana particolarmente intensa durante la quale approfondire collettivamente le tecniche ceramiche.

Il workshop non intende essere esaustivo circa l’acquisizione delle competenze tecniche, ma vuole piuttosto trasmetterle per consentire ai partecipanti di sviluppare una visione d’insieme sull’uso del materiale e dei laboratori ed un primo contatto con l’universo dell’artigianato ceramico, nell’ottica di fornire una pratica da custodire nel loro bagaglio professionale e declinare nei loro rispettivi percorsi produttivi.

Per una settimana gli artisti potranno sperimentare nel laboratorio del museo, consultarsi con la ceramista Aida Bertozzi e con Matteo Zauli, testimone di tanti incontri fra gli artisti contemporanei e la ceramica. Verranno affiancati in questo percorso da uno studente dell’Accademia di Bologna, selezionato per l’edizione 2014 del Corso per curatori, coordinato da Guido Molinari.

Un momento di restituzione dell’esperienza di residenza presso MCZ sarò previsto nella programmazione autunnale di Viafarini DOCVA.

Di seguito i link per approfondimenti sui singoli artisti:

Marco Basta
Alessandro Di Pietro
Michele Gabriele
Andrea Romano
Jonathan Vivacqua

 


CHI SARÀ IL PRIMO ARTISTA QUEST’ANNO IN RESIDENZA AL MUSEO?

Residenza d’Artista 2014

MCZ + Fondazione Bevilacqua La Masa

19 – 23 maggio 2014

E’ giunta alla terza edizione la collaborazione fra Museo Carlo Zauli e Fondazione Bevilacqua La Masa, che si fonda sull’intenzione di offrire agli assegnatari degli studi la produzione di un’opera e l’opportunità di sperimentare la ceramica, lavorandola direttamente e quindi imparando a conoscerla, negli aspetti tecnici e di lavorazione fondamentali.

I partecipanti devono presentare un progetto, sapendo che poi dovranno realizzarlo personalmente nei laboratori del museo, sotto la supervisione e i consigli di un esperto ceramista, nell’ottica di trasmettere all’artista i primi rudimenti nell’affrontare il materiale ceramico.

E mentre Lorenzo Commisso e Giovanni Giaretta, vincitori delle precedenti edizioni, sono esposti nella mostra dedicata a tutta la collezione contemporanea del Museo Zauli proprio presso la sede della FBLM Palazzetto Tito, i nuovi atelieristi stanno lavorando per la presentazione dei loro progetti.

I candidati del 2014, ora presenti negli atelier veneziani, sono Giuseppe Abate con Paola Angelini, Marko Bjelančević, Pamela Breda, Saverio Bonato, Samuele Cherubini, Daniela Da Silva Ferreira per il gruppo Anemoi con Laura di Nicolantonio, Maria Elena Fantoni e Nataša Vasiljević, Graziano Meneghin con Jacopo Trabona, Fabrizio Perghem
Fabio Roncato, Caterina Erica Shanta, Rosario Sorbello, gruppo Impresari con Edoardo Aruta e Marco Di Giuseppe, Eleonora Sovrani.
Sul sito di FBLM una breve presentazione di ognuno.

Il vincitore verrà proclamato il 5 maggio 2014, e sarà ospite al museo dal 19 al 23 maggio, inaugurando la stagione di Residenza d’Artista 2014.


RESIDENZA D’ARTISTA 2013: LORENZO COMMISSO E LUCA MONTERASTELLI

RESIDENZA D’ARTISTA EDIZIONE 2013

Lorenzo Commisso

in collaborazione con Fondazione Bevilacqua La Masa Venezia

Luca Monterastelli

in collaborazione con Via Farini DOCVA Milano

a cura di MCZ

3 ottobre 2013

ore 18,30 presentazione opere in ceramica

ore 21,00 talk (edizione speciale settimana del contemporaneo di Avventure nello Spazio)

Le ceramiche realizzate in Residenza d’Artista ed esposte dal 3 ottobre nei laboratori del Museo Zauli sono frutto quindi di due percorsi distinti, entrambi con il supporto didattico di Accademia di Belle Arti Bologna, nel progetto Corso per Curatori.

Luca Monterastelli, deciso da Marco Tagliafierro e Simone Frangi all’interno di un lavoro fra arte e artigianato, ha realizzato personalmente ceramiche poi inserite in sculture di diversi materiali, alcune già esposte in una personale in Via Farini.

Lorenzo Commisso, scelto da Stefano Coletto, Guido Molinari e Matteo Zauli analizzando tutti i progetti presentati degli atelieristi di FBLM, ha dato vita ad un’opera firmata insieme ad Aida Bertozzi, ceramista faentina.

 

Dopo la presentazione dei lavori in ceramica Lorenzo Commisso con Aida Bertozzi e Luca Monterastelli, parleranno della loro esperienza con il MCZ in una chiacchierata con i giovani curatori, studenti dell’Accademia di Belle Arti di Bologna, Marco Tondello e Martina Raponi. Il talk rientrerà quale edizione speciale delle Avventure nello Spazio, rassegna di talk sull’arte curata da Matteo Zauli.

La giornata andrà a comporre il progetto Relazioni con cui il MCZ parteciperà alla Settimana del Contemporaneo di Faenza, all’interno di Kart Faenza 2013.

Luca Monterastelli (Forlimpopoli, 1983) si forma all’Istituto d’Arte di Forlì per poi trasferirsi a Milano dove studia all’Accademia delle Belle Arti di Brera diplomandosi nel 2010. Trascorre il biennio 2011/12 ospitato da alcune residenze francesi tra Marsiglia, l’Île de France e la Borgogna, in cui approfondisce le problematiche legate alla scultura e l’approccio alla materia. Vive e lavora a Forlimpopoli, muovendosi sull’asse Milano-Napoli, dove collabora con la galleria Lia Rumma da maggio 2013.

Lorenzo Commisso (Pordenone, 1978), si laurea all’Accademia di Belle Arti di Bologna nel 2006. Attualmente iscritto alla Laurea Magistrale in Arti Visive all’Università IUAV di Venezia. Artista, fotografo, performer. Lavorando con molteplici estetiche risulta difficile delineare i connotati specifici della sua ricerca. Ricorrono però punti fissi come l’utilizzo di metalinguaggi, riflessioni sul doppio, sul tempo e i numeri, sul percepire, sulle proprietà intrinseche della pratica utilizzata. Commisso vede il suo lavoro come un quantitativo di liquido che prende forma in base al contenitore in cui viene versato.

 

sede e orari mostra:
Museo Carlo Zauli
Via Croce 6, Faenza (Ra)
3 – 19 ottobre 2013
martedì – sabato: 10.00 / 13.00 oppure su appuntamento
per info e per fissare una visita 339 1544010


CERAMICA CONTEMPORANEA: LUCA MONTERASTELLI

Residenza d’Artista

workshop di ceramica nell’arte contamporanea edizione 2013

Luca Monterastelli
in collaborazione con Via Farini DOCVA

Dal 22 aprile Luca Monterastelli è nei laboratori per realizzare uno dei lavori destinati alla mostra che inaugurerà a Milano in Via Farini il 10 giugno. Nella stessa occasione il MCZ sarà ospite degli spazi della Fabbrica del Vapore in una conversazione con l’artista e sugli altre istituzioni che collaborano al progetto.

Si è attivata proprio quest’anno la collaborazione con Via Farini DOCVA. L’istituzione, nata da un’iniziativa privata, si trova all’interno dello spazio della Fabbrica del Vapore ed è oramai diventata l’istituzione più importante per il suo archivio dedicato agli artisti italiani e quale contenitore di eventi e mostre.
Grazie all’esperienza fatta con Residenza d’Artista, il Museo Carlo Zauli offre la possibilità agli artisti invitati di realizzare materialmente delle opere d’arte e al nostro territorio di conoscerli profondamente entrandone in stretto contatto.

 


ULTIMO GIRO!

RESIDENZA D’ARTISTA al museo carlo zauli
workshop di ceramica nell’arte contemporanea  IX edizione
 
ultimo giro!
sabato 3 novembre ore 18.00
 
SALVATORE ARANCIO a cura di Guido Molinari, retropalco Teatro Cinema Sarti
DANIEL SILVER a cura di Marco Tagliafierro, laboratorio Museo Carlo Zauli
CHRISTIAN FROSI e DIEGO PERRONE in collaborazione con CNR, Gabinetto di Astronomia, Palazzo Laderchi
GIOVANNI GIARETTA in collaborazione con Fondazione Bevilacqua La Masa, Museo Bendandi
DAVIDE VALENTI premio speciale Artelaguna 2011, Chiesa dei Servi
 
Ecco l’ultima ottima occasione per visitare con Matteo Zauli la mostra sulle Residenze d’Artista degli ultimi due anni. 
Ci troveremo sabato 3 novembre alle 18.00 nel giardino del museo per partire alla scoperta di luoghi della città e lavori in ceramica.
 
La stessa sera presso Tesco in Vicolo Vergini 13
 

 

MOSTRA D’ASCOLTO

sonorizzazioni di 

GAIA CARBONI, SILVIA CHIARINI, ANDREA MAGNANI, SIMONE TOSCA
Aperitivo e playlist a rotazione a partire dalle 19. 
A conclusione della mostra FALANSTERIO, sezione curata da Daniela Lotta, gli artisti sono stati invitati a proporre una sonorizzazione del proprio lavoro in mostra: ideale estensione dello spazio dell’opera attraverso la costruzione di una precisa atmosfera sonora. 
 
La mostra RESIDENZA D’ARTISTA chiude il 5 novembre.
Per informazioni e per prenotare altre visite:
339 1544010
 
 
leggi il blog per altri dettagli sulla mostra

MADONNA

Il lavoro di Alberto Garutti, realizzato nel corso della Residenza d’Artista al Museo Zauli nel 2008, è esposto a Pescara. 

 

Dopo un’interruzione di cinque anni è tornata Fuoriuso 2012, la rassegna d’arte contemporanea ideata dal gallerista Cesare Manzo, quest’anno curata da Giacinto Di Pietrantonio. 

 
Alberto Garutti – Senza titolo – 2008
Ceramica, resistenza elettrica, termostato, filo elettrico, base in legno

i dettagli della mostra su undo


DANIEL SILVER IN RESIDENZA

RESIDENZA d’ARTISTA
workshop di ceramica nell’arte contemporanea

14 – 19 maggio
DANIEL SILVER
a cura di Marco Tagliafierro

DANIEL SILVER
1972 Born in London. Lives and works in London
 
 
Selected Solo Exhibitions
2012 Galleria Suzy Shammah, Milan, 2011Acne, London, Letting go, AMP, Athens
Coming Together, Kunsthaus Glarus, Glarus (Switzerland), 2010 The Smoking Silver Fathers Figures, Frieze Sculpture Park, London, 2009 Studies for Adam and Eve, Cabinet #4, SE8, London, Lionz in Zion, Galleria Suzy Shammah, Milan, 2008  The Monks, Ancient & Modern, London, Making Something Your Own, Ibid Projects, London, 2007 Heads, Camden Arts Centre, London, Demos, The Northern Gallery for Contemporary Art, Sunderland (UK) 2006 Galleria Suzy Shammah, Milan, 2005 Daniel Silver AT Pescali & Sprovieri, Pescali & Sprovieri, London, 2003 Pilot Project, Gropiusstat, Berlin The Buddha & The Chaise Longue, Tal Esther Gallery, Tel Aviv 2001 Cake Snake, Sprovieri Gallery, London 1998 Gallerie s.e., Bergen (Norway)
 
Selected Group Exhibitions
2012 WHO’S BEEN HERE, Bukowskis, Stockholm 2011 Among flesh, Alison Jacques Gallery, London, Newspeak: British Art Now, Saatchi Gallery, London, 2010 We Will Live, We Will See, curated by P. S. Pys, Zabludowicz Collection, London Savage Messiah, curated by R. Tufnell and M. Cotton, Rob Tufnell at 1 Sutton Lane, London Self-Similar / seen somewhere else at the same time, curated by G. Unsworth, Galerie de Expeditie, Amsterdam, British Sculpture: Landscape in Sculpture as Object, Connaught Brown, London
No New Thing Under the Sun, The Royal Academy of Arts, London Head, The approach, London Sensitivity Questioned, curated by I. Fokianaki, Ileana Tounta Contemporary Art Centre, Athens L’uomo ridotto, Brown Project Space, Milan The Cannibal’s Muse, curated by M. Henry, Patricia Low Gallery, Gstaad (Switzerland) The Big Ripoff, Camden Art Centre, London Psychic Geography, Workplace Gallery, Gateshead (UK) Ibrido, PAC Padiglione d’Arte Contemporanea, Milan Milestone, Yorkshire Sculpture Park and Pier Centre, Orkney (UK) Profusion, curated by S. Kyriacou and J. Plowman Calke Abbey, Derbyshire (UK)Supernature – an exercise in loads, curated by R. Panagiotor and A. Melas, AMP, Athens Family/Tree II. New Acquisitions donated by the Rivka Saker and Uzi Zucker Fund for Contemporary Art, Helena Rubinstein Pavilion, Tel Aviv Museum, Tel Aviv
2009 Newspeak: British Art Now, State Hermitage Museum, Saint Petersburg Milestone, Edinburgh College of Art, Edinburgh / Yorkshire Sculpture Park, Wakefield (UK) Remap2, Athens, 2008 Group Show, Ibid Projects, London The Krautcho Club, Forgotten Bar Project, Berlin In Silence, Rothschild 69, Tel Aviv ART TLV – Open plan living, curated by A. Renton, Helena Rubinstein Pavilion for Contemporary Art, Tel Aviv Museum, Tel Aviv M25 Around London, curated by B. Schwabsky, CCA Andratx, Mallorca Origins, Hudson Valley Center for Contemporary Art, Peekskill (USA) A Colour Box, Arcade, London Sculpture Trail, Grieder Contemporary, Küsnacht (Switzerland) A Life of Their Own, curated by R. Cork, Lismore Castle Arts, Lismore (UK), 2007 Boys Craft, Haifa Museum of Art, Haifa (Israel) Strange Weight, curated by R. Tufnell, Martos Gallery, New York Out, Still & Kicking, Givon Art Gallery, Tel Aviv, 2006 Getting on Mother’s Nerves, Mother’s Tank Station, Dublin Sleep of Ulro, A Foundation, Liverpool Summerise, Givon Gallery, Tel Aviv Heads: Jimmie Durham, Tim Hawkinson, Ilya Kabakov, Jannis Kounellis, Mike Nelson and others, Pescali & Sprovieri, London, Ten of the best, Tal Esther Gallery, Tel Aviv Young Artist Award exhibition, Ministry of Education and Culture, Museum of Art, Jerusalem
2005 London in Zurich, curated by G. Muir, Hauser and Wirth, Zurich WE (with Eline McGeorge), Neues Problem Gallery, Berlin Both of Them (with Moshe Gershuni), Tal Esther Gallery & Givon Gallery, Tel Aviv 30+, Neues Problem Gallery, Berlin
2004 Bloomberg Art School, Bloomberg Space, London 25 Drawings-25 Artists, The Drawing Gallery, London Frigid Atmosphere, Tal Esther Gallery, Tel Aviv Pets, Time For Art, Tel Aviv, The Possibility of Experiencing the Death of Others, One in the Other Gallery,
London 2003 Home Show, Neta Eshel, Caesarea (Israel)
Fireflies, Tal Ester Gallery, Tel Aviv Young Israeli Art, The Jacques and Eugenie O’Hana collection, Museum of Art, Tel Aviv, 2002 Winning the Cornetto, The British School at Rome, Rome Arcadia in the city, Marble Hill House Museum, London Artic 4, Genia Schreiber University Art Gallery, Tel Aviv University, Tel Aviv, 2001 Bloomberg New Contemporaries 2001, Camden Arts Centre, London Artic 3, Genia Schreiber University Art Gallery, Tel Aviv University, Tel Aviv, 2000 Design Exhibition Center, Commission for Holland Park, London Assembly, Stepney City, London Two in One, Camden Lofts, London
1998 We Have Moved, 23 Edis Street, London 1997 Macroland, Das Semper-Depot, Vienna, Tramway Video Festival, Glasgow 1996 Free Beer, Shooting Gallery, London
A Big Deal, Big Issue HQ, London 
 
Studies
1999 – 2001 1995 – 1999 1994 – 1995
MFA Sculpture Department, Royal College of Art, London BFA Honours, Slade School, University College London, London Business and Fine Art, London Guildhall University, London
 
Grants, Awards and Residences
2012 Artist-in-residence, Museo Carlo Zauli, Faenza (Italy) 
2005 The Israeli Ministry of Education and Culture, Young Artist Award
The Henry Moore Sculptor in Residency, University of Sunderland (UK) 
2003 Gropius Pilot Projects Scholarship, Berlin 
2002 Rome Scholar in the Fine Arts, The British School at Rome, Rome 
2001 Credit Suisse First Boston Award 
2000 The America-Israel Cultural Foundation Scholarship, Karten Scholarship
Eric & Jean Cass Scholarship, Royal College of Art, London 
1997 Audrey Wykeham Prize for Fine Art, UCL – University College London, London
 
Selected Bibliography
2012 M. Tagliafierro, Critics’ Picks, artforum.com, Mar. G. Bria, Neoplasticità totemiche, artribune.com, 5 Feb.
2011 M. Casadio, About a Dress, Vogue Italia, Dec. G. Greco, Attenti a quei due, Io Donna, 24 Sep.
2010 C. Gleadell, The Biggest Art Party in Town, The Daily Telegraph, 13 Oct. 2009 L. McLean-Ferris, Exhibitionist, the best art shows to see this week, guardian.co.uk, 19
Jun. K. Wright, Two Sides of the Fence: Wafa Hourani and Daniel Silver, Phillips ART Expert, Feb. Daniel Silver: Lionz in Zion, acnestudios.com, Mar. V. Sansone, Daniel Silver at Suzy Shammah, Flash Art International, May/Jun. N. Trezzi, Re: Diaspora, Yael Bartana, Elad Lassry, Ohad Meromi and Daniel Silver in correspondence, Flash Art, Oct.
2008 Daniel Silver: Untitled (Works on Paper), Succour, Autumn/Winter T. Persson, Interview with Daniel Silver, Acne Paper, Winter 08/09 issue G. Williams, Openings: Daniel Silver, Artforum, Summer issue S. Thorn, A Life of Their Own, Frieze, Jul. R. Cork, A Life of Their Own, Lismore Castle Arts, Lismore H. Kearns, A Life of Their Own, review, Circa, Aug. R. Cork, Expect the Unespected, Financial Times, 27 Apr.
2007 Boys Craft, exhibition catalogue, text by T. Katz-Freiman, Haifa Museum of Art, Haifa
Daniel Silver, texts by A. Robinson, P. Herkenhoff, Camden Arts Centre,
London / The Northern Gallery for Contemporary Art, Sunderland 2005 London in Zurich, exhibition catalogue, Hauser and Wirth, Zurich 2004 Pilot Project, exhibition catalogue, Gropiusstat, Berlin 2003 Young Israeli Art, exhibition catalogue, Tel Aviv Museum, Tel Aviv 2002 Winning the Cornetto, exhibition catalogue, The British School at Rome,
Rome 2001 Artic 3, exhibition catalogue, Genia Schreiber University Art Gallery, Tel Aviv
University, Tel Aviv Bloomberg New Contemporaries 2001, exhibition catalogue, Camden Arts Centre, London
2000 Assembly, exhibition catalogue, Stepney City, London
 
Pubblic Collections
The Saatchi Gallery, London Rubell Family Collection, Miami Sender Collection, New York Zabludowitz Collection, London Tel Aviv Museum of Art, Tel Aviv
 

CHRISTIAN FROSI E DIEGO PERRONE TORNANO A FAENZA PER LA SECONDA FASE DELLA RESIDENZA AL MUSEO CARLO ZAULI

MCZ ha incontrato Frosi e Perrone durante il loro viaggio nel mondo contemporaneo più indipendente e periferico d’Italia, in una tappa nei nostri laboratori per una conferenza-performance sul loro progetto in coppia, nel dicembre 2010.
 
Su invito per una residenza i due artisti hanno proposto di affrontare l’esperienza in maniera del tutto nuova, con l’idea di imbastire uno studio di gruppo, insieme a degli studenti, volto alla definizione di un prototipo di oggetto ibrido in ceramica, sintesi delle culture del mediterraneo.
Dopo un primo meeting a Faenza lo scorso novembre il gruppo sta procedendo nel lavoro a distanza utilizzando una piattaforma web Yourworldoftext, che è in sostanza una pagina bianca in cui tutti posono scrivere.
Lo studio sta procedendo in due direzioni ben distinte e si sono già accumulate varie informazioni sia in tema di tecnologia che antropologico.
 
Attualmente ognuno dei partecipanti sta singolarmente studiando un progetto, unendo le due parti. Tecnologica e antropologica, tenendo conto che anche una piastrella ha una sua posizione antropologica ben precisa come un vaso o un manufatto antico.
Questi oggetti saranno la base della discussione che avverrà l’8 e il 9 marzo al Museo Carlo Zauli per decidere quale di questi, uno o più di uno, diventeranno il prototipo finale ibrido di varie culture.
Prototipo che farà parte della mostra finale programmata per ottobre 2012, momento in cui verranno presentati anche i lavori di Salvatore Arancio e di Folkert de Jong, invitati rispettivamente da Guido Molinari e Marco Tagliafierro.
 
Gli studenti coinvolti nel workshop con Frosi e Perrone sono:
dall’Accademia di Bologna: Alessia Adorni, Maria Cemmi, Margit Pittschieler, Martina Raponi
dall’Accademia di Brescia: Giulia Azzini, Valentina Dotti, Lucia Seghezzi
dall’Accademia di Venezia: Silvia Giuseppone, Massimiliano Gottardi
dall’Istituto Ballardini di Faenza: Cinzia Carantoni, Chiara Poinelli
 
link:
la piattaforma di lavoro
http://www.yourworldoftext.com/piatto
 
il gruppo a Faenza – novembre 2011
http://www.flickr.com/photos/69474439@N07/sets/72157628109091765/
 
 
il talk di Frosi e Perrone all’interno del ciclo Avventure nello spazio dell’arte – novembre 2010
http://museocarlozauli.blogspot.com/2010/11/eroina-christian-frosi-e-diego-perrone.html

FROSI E PERRONE IN RESIDENZA AL MUSEO ZAULI

Si è conclusa ieri la prima fase del progetto Residenza d’Artista – workshop di ceramica nell’arte contemporanea al Museo Carlo Zauli con Christian Frosi e Diego Perrone.
I due artisti sono a Faenza secondo una modalità di residenza inedita, modalità non finalizzata, come in tutte le precedenti occasioni, alla produzione di un’opera in senso tradizionale.
Il workshop ha infatti com scopo la progettazione di un oggetto, che rappresenti un ibrido della cultura ceramica del mediterraneo, di nuova definizione, un oggetto che potrebbe avere tutte le caratteristiche per essere prodotto in serie e di cui verrà realizzato un prototipo all’interno del laboratori del museo a maggio 2012.
Si tratta quindi di un vero e proprio studio che i due artisti porteranno avanti nei prossimi mesi con il supporto di un gruppo di 11 studenti individuati dai docenti fra i più interessanti delle Accademie di Bologna, Brescia, Venezia e dall’Istituto Ballardini di Faenza.
In questa primo incontro della durata di due giorni, studenti ed artisti si sono conosciuti ed hanno stabilito le modalità operative dei prossimi mesi, individuando competenze singole e obiettivi comuni, che verranno portati avanti da ogni studente individualmente, ma in continua connessione al resto del gruppo via internet.
La residenza, come le altre della stagione 2011-2012 sarà oggetto di una mostra e di una pubblicazione nel’autunno del prossimo anno.
Christian Frosi e Diego Perrone stanno portando avanti da circa due anni un lavoro artistico in coppia che non prevede la produzione di opere vere e proprie, ma percorsi diversi all’interno del mondo dell’arte contemporanea. Sono già stati ospiti del Museo Zauli nell’inverno 2011, all’interno del ciclo di conferenze “Avventure nello spazio dell’arte” in un racconto del loro viaggio nei luoghi no profit e alternativi dell’arte contemporanea italiana, tra cui il nostro.
Gli artisti descrivono così la loro esigenza di iniziare un progetto di collaborazione assieme proprio in Italia: “Abbiamo iniziato a collaborare nel 2009, in veste di artisti e curatori, ma solo nel 2010 la nostra collaborazione si è focalizzata su tre parole chiave di ricerca: Età, Istruzione e Italia. […] Abbiamo realizzato un viaggio su tutto il territorio italiano toccando 30 città, cercato e conosciuto persone, organizzazioni e situazioni nuove sul territorio che gestiscono spazi e contesti attivi nell’arte e nella cultura contemporanea. Non ci siamo privati del piacere fisico di attraversare luoghi meravigliosi, ma non eravamo interessati a documentare il paesaggio. Abbiamo conservato ciò che le persone ci hanno raccontato, ciò che abbiamo visto nelle loro invenzioni e nelle loro idee. Il livello di generosità, passione e impegno, non è solo nei più giovani, dove è quasi ovvio trovarne, ma si vede anche in una fascia di artisti e curatori più maturi. Il tutto purtroppo, tranne casi eccezionali ed eroici, avviene al di fuori e ben lontano dalle accademie. […] Cercavamo un titolo che avesse una forte connotazione negativa da un punto di vista sociale, per stemperare il lato patetico e retorico di un viaggio nella provincia Italiana. “Eroina” ci è sembrato calzare perfettamente questa esigenza evocando anche il lato oscuro di chi rischia di astrarre e perdere il mondo attraverso l’arte e la cultura. Il progetto si è sviluppato in tre fasi: il viaggio, alcuni interventi, video e una serie di talk e performance. I talk sono uno strumento per ripercorrere alcune tappe del viaggio restituendo un quadro completo dell’esperienza fatta, aprendola al dibattito e ad una forma di work in progress particolare.” La cosa interessante è che i due artisti affrontano questa nuova scoperta dell’Italia senza pregiudizi e con disponibilità a farsi stupire e al dialogo.
Il racconto di queste varie tappe può essere seguito sul blog http://coalnumber.tumblr.com/
 
Diego Perrone (Asti, 1970; vive e lavora a Milano) ha presentato il suo lavoro in vari contesti, nazionali ed internazionali, tra cui citiamo l’edizione della Biennale di Berlino del 2006, la Biennale di Venezia del 2003, quella di Manifesta, nel 2000, e poi al Centre Pompidou di Parigi, alla Fondazione Trussardi di Milano, al MART di Rovereto, al PS1 di New York, Fondazione Sandretto Re Rebaudengo, Fondazione Brodbeck, Catania.
 
Christian Frosi (Milano, 1973; vive e lavora a Milano) ha presentato il suo lavoro in vari contesti, nazionali ed internazionali, tra cui citiamo la Fondazione Sandretto Re Rebaudengo nel 2007, il MART di Rovereto nel 2008, il Castello di Rivoli a Torino nel 2008, la Galleria Zero a Milano nel 2009, Emerging Talents alla Strozzina a Firenze nel 2009.
 
Gli studenti del workshop:
dall’Accademia di Bologna: Alessia Adorni, Maria Cemmi, Margit Pittschieler, Martina Raponi
dall’Accademia di Brescia: Giulia Azzini, Valentina Dotti, Lucia Seghezzi
dall’Accademia di Venezia: Silvia Giuseppone, Massimiliano Gottardi
dall’Istituto Ballardini di Faenza: Cinzia Carantoni, Chiara Poinelli

INCONTRO CON SALVATORE ARANCIO

RESIDENZA D’ARTISTA

 

workshop di ceramica nell’arte contemporanea
Salvatore Arancio
a cura di Guido Molinari
 
domenica 16 ottobre ore 18.30
al Museo Carlo Zauli – Via Croce 6
incontro con Arancio – Molinari
 
Siamo lieti di invitarvi all’incontro con Salvatore Arancio, artista ora ospite al Museo Carlo Zauli nell’ambito del progetto Residenza d’Artista.
Arancio, insieme al curatore Guido Molinari che lo ha scelto per questo progetto, incontra il pubblico per raccontare l’esperienza di questi giorni di lavoro nei laboratori di Via Croce, dell’incontro con la ceramica e con gli studenti che partecipano al workshop, oltre che il suo percorso di artista.
 
Proseguendo un lavoro iniziato nel 2003 il Museo Carlo Zauli, il progetto Residenza d’Artista prevede l’incontro fra un’artista, scelto da un curatore, la città di Faenza e il materiale ceramico. L’artista, con la supervisione di un tutor ceramista e di un gruppo di studenti del territorio e delle migliori accademie d’Italia, porta avanti un percorso che termina con la produzione di lavori, esposti in una mostra e in una pubblicazione. Uno dei pezzi prodotti in residenza entra in collezione al museo, contribuendo a lasciare un tangibile segno del lavoro in città, mentre l’altro, di proprietà dell’artista, diventerà mezzo di diffusione del nostro lavoro nel mondo dell’arte contemporanea. La partecipazione degli studenti al processo creativo e di realizzazione, coinvolti essi stessi a ideare e creare un loro pezzo in ceramica, porta avanti la forte attitudine didattica del nostro lavoro.
 
Hanno partecipato finora al progetto gli artisti:
Sergia Avveduti, Pierpaolo Campanini, Gianni Caravaggio, David Casini, Alberto Garutti, Francesco Gennari, Piero Golia, Bruno Peinado, Eva Marisaldi, Mathieu Mercier, Maurizio Mercuri, Marco Samorè, Luca Trevisani, Sislej Xhafa
Partecipano alla stagione 2011 – 2012: Salvatore Arancio (a cura di Guido Molinari), Folkert De Jong (a cura di Maro Tagliafierro), Diego Perrone e Christian Frosi, Davide Valenti (vincitore premio speciale Premio Artelaguna), Giovanni Giaretta (selezionato fra i giovani in studio presso Fondazione Bevilacqua La Masa).
 
Salvatore Arancio è nato a Catania nel 1974. Vive e lavora a Londra. Ha studiato fotografia al Royal College of Art di Londra.
Le sue mostre recenti includono: “An Arrangement of the Materials Ejected”, Spacex, Exeter, UK, 2011; “Vedere un oggetto, vedere la luce / To See an Object to See a Light”, Fondazione Sandretto Re Rebaudengo, Guarene d’Alba, Italy, 2011; “Sentinel – PPS//Meetings#4”, Palazzo Riso – Museo d’Arte Contemporanea della Sicilia, Palermo, Italy, 2011; “SI-Sindrome Italiana” at Le Magasin-Centre National d’Art contemporain de Grenoble, France, 2010; “An Account of the Composition of the Earth’s Crust: Dirt Cones and Lava Bombs”, Frame, Frieze Art Fair, London, UK, 2010; “Catastrophe? Quelle Catastrophe!” Manif d’Art 5, The Quebec City Biennial, Engramme, Quebec City, Canada, 2010; Prague Biennale 4, Karlin Hall, Prague, Czech Republic, 2009; “I giovani che visitano le nostre rovine non vi vedono che uno stile”, GAM-Galleria d’Arte Moderna, Turin, Italy, 2009.
Arancio ha vinto il premio The Elephant Trust, London 2011, il Premio ‘New York’ in 2009 ed è stato selezionato per il Bloomberg New Contemporaries nel 2006.

Privacy Settings
We use cookies to enhance your experience while using our website. If you are using our Services via a browser you can restrict, block or remove cookies through your web browser settings. We also use content and scripts from third parties that may use tracking technologies. You can selectively provide your consent below to allow such third party embeds. For complete information about the cookies we use, data we collect and how we process them, please check our Privacy Policy
Youtube
Consent to display content from - Youtube
Vimeo
Consent to display content from - Vimeo
Google Maps
Consent to display content from - Google
iscriviti alla newsletter