iscriviti alla newsletter

EROINA: CHRISTIAN FROSI E DIEGO PERRONE AL MCZ

I Lunedì del Contemporaneo IV edizione
AVVENTURE NELLO SPAZIO DELL’ARTE
in collaborazione con Associazione Amici della Ceramica e del Mic
evento C/off Festival Arte Contemporanea Faenza
 
lunedì 22 novembre ore 21,00
EROINA
Christian Frosi | Diego Perrone
 
Abbiamo cercato fin dall’inizio di affrontare questo viaggio nel modo più anti retorico possibile. Non ci siamo privati del piacere fisico di attraversare luoghi meravigliosi, ma sicuramente non abbiamo cercato le parole giuste nel momento giusto. Volevamo lasciare tutto li dov’era. Quello che abbiamo visto è rimasto li. Abbiamo portato nella mostra ciò che le persone ci hanno raccontato, ciò che abbiamo visto nelle loro invenzioni e nelle loro idee.
 
Il livello di generosità, passione e impegno, non è solo nei più giovani, dove è quasi ovvio trovarne, ma l’abbiamo trovato anche in una fascia di artisti e curatori più maturi. Il tutto purtroppo, tranne casi eccezionali ed eroici, avviene al di fuori e ben lontano dalle accademie.
 
Cercavamo un titolo che avesse una forte connotazione negativa da un punto di vista sociale, per stemperare il lato patetico e di un viaggio compiuto incontrando persone giovani e meno giovani alle prese con l’arte. Eroina ci è sembrato calzare perfettamente questa esigenza evocando anche il lato oscuro dell’astrazione dal mondo, il lato oscuro delle ossessioni e delle passioni. Il lato oscuro e forse dimenticato di questo paese che andrebbe risvegliato al più presto. “Amare le persone destinate alle tue cose”, titolo della nostra prima collaborazione, che abbiamo preso da una meravigliosa “massima” poetica di Mendini, consisteva di un allineamento di oggetti, opere e collaborazioni. Abbiamo costruito una linea di una dozzina di elementi, lunga cinquanta metri, che tracciava una traiettoria. Già durante la preparazione della mostra parlavamo della possibilità di continuare questa direzione altrove. La nostra curiosità riguardo il mondo della Provincia, la nostra comune propensione al viaggio e la nostra oggettiva ignoranza riguardo svariate nuove realtà ha fatto il resto.
 
vai al blog per conoscere il resto della rassegna
http://museocarlozauli.blogspot.com/2010/11/tornano-i-lunedi-del-contemporaneo.html

MATTEO ZAULI A PROVINCIA ITALIANA

PROVINCIA ITALIANA è un laboratorio diffuso per ripensare il territorio che si sviluppa nelle province di Padova, Treviso, Venezia e Vicenza tramite due mesi di incontri, workshop, talk, conferenze e riflessioni che coinvolgono le amministrazioni locali e personalità del mondo della cultura, dell’arte e dell’economia a livello nazionale e internazionale.

PROVINCIA ITALIANA, evento collaterale della 12. Mostra di Architettura – la Biennale di Venezia, promosso da C4 – Centro Cultura Contemporanea Caldogno, è ideato e organizzato da Fuoribiennale in collaborazione con Centro Studi Usine e curato dal team CulturAli, composto da Flavio Albanese, Pier Luigi Sacco, Cristiano Seganfreddo, Catterina Seia.

Tra gli appuntamenti in programma, il 5 novembre a Vicenza, goodwill promuove il Ctalk “Faenza e il festival dell’arte contemporanea. La città costruisce il distretto culturale evoluto”, con la partecipazione di Pier Luigi Sacco, direttore scientifico di goodwill, co-fondatore e membro della direzione scientifica del festival; Matteo Zauli, direttore del Museo Carlo Zauli; Andrea Magnani, ideatore del progetto REsign – DO Nucleo Culturale Faenza; Massimo Isola, Vice Sindaco di Faenza.

Tra le altre iniziative promosse da Provincia Italiana, è in programma un ciclo di conversazioni che coinvolgono alcune delle istituzioni di riferimento per il contemporaneo in Italia e all’estero, quali VIAFARINI, Cittadellarte, il MAXXI di Roma e il Museo MACBA di Barcellona, per rispondere alla domanda: “Basilica Palladiana: quale contemporaneo per la città di Vicenza?”.

festival arte contemporanea

PROVINCIA ITALIANA


MCZ.NIGHT&LAB

MCZ.night&lab

miagalleria + MCZ

simposi per adulti e ragazzi

a cura di Lara Marangoni

miagalleria è una nuova realtà culturale che ha come obiettivo principale la progettazione e la promozione di eventi culturali, mostre d’arte e di design. Dopo la prima serie di sei laboratori antecedenti al Festival di Arte Contemporanea 2010, intitolata “Ax2 + Bx + C = miagalleria”, a cura di Lara Marangoni, da Luglio 2010 prende il via il nuovo progetto “ miagalleria + MCZ”. L’obiettivo è di costruire insieme una stagione che andrà da Ottobre 2010 a Aprile 2011 in collaborazione con un gruppo di artisti e designer che si dedichino alla sperimentazione e alla progettazione di nuovi percorsi didattici e workshop, originali e pensati per i bambini e chissà… forse anche per gli adulti.

Il simposio era un momento della vita sociale greca, in cui le persone si riunivano con lo scopo di scambiarsi idee ed opinioni riguardo a vari argoment;era un luogo riflessivo dove si cercava di comprendere meglio le pratiche sociali e dove si sviluppava la memoria collettiva, poetica e visiva, accompagnando le discussioni con cibo e vino.

7 luglio ore 20,30

“Duchamp era un parrucchiere?”

con Elisabetta Amatori, Giovanni Delvecchio, Andrea Magnani

Una mini lezione al contrario finalizzata alla creazione assistita di piccoli curatori e critici che ci aiuteranno a riscrivere la storia dell’arte. Ma Leonardo era un allenatore o un inventore? Giocando con la linea del tempo i giovani professori improvviseranno i contenuti concettuali delle opere e questo insolito melting pot sarà documentato in formato video.

14 luglio ore 20,30

“Cover me “

con Vincenzo Battaglia

Si può dare forma alle percezioni uditive? Immergiamoci allora nelle good wibes… i brani selezionati saranno espressione dei generi e delle generazioni. All’ascolto seguirà la progettazione e realizzazione di una personale copertina per CD che al contempo sia celebrazione e momento vissuto.

21 luglio ore 20,30

“Le città Buffa”

con Cristiano Buffa

Strade cartoon, cieli plastic, alberi gossip… costruiamo il nostro angolo di paese, il nostro piccolo quartiere, partendo da immagini rubate in ogni parte del globo… scegliendo quelle a noi più leali e organizzando lo spazio secondo il nostro gusto personale.. et voilà, la notre petite ville portable!

28 luglio ore 20,30

“Tutti insieme da Zaulì “

con Federica Cecchini

Le Restaurant Zaulì non è un ristorante come tanti altri, ma è un luogo dove i piatti si vestono di forme e sapori che non sono quel che appaiono. Nella cucina di Zaulì si creano pietanze bizzarre e deliziose dove il cibo diventa bambino, gioca e stupisce ingannando la vista e il palato dei piccoli commensali.

età consigliata 9 – 14 anni

ingresso € 3 per laboratorio / € 10 lab card per quattro laboratori

inizio laboratori ore 21,00

prenotazione consigliata c/o miagalleria 0546_697591 – 347_1037068

foto di Andrea Piffari


FESTIVAL NOTTURNI AL MCZ: 3-4-5 DICEMBRE 2009

RASSEGNA MUSICALE NOTTURNI AL MUSEO CARLO ZAULI 2009

PROGRAMMA

Giovedì 3 dicembre ore 21,00 Museo Carlo Zauli

MASSIMO LONARDI vihuela

“Libros de musica para vihuela”

in collaborazione con: Stradivarius – the leading italian classical music label

Opening ore 18,00

“Massimo Lonardi: incontra gli studenti della Scuola di Musica Comunale “G. Sarti””

Venerdì 4 dicembre ore 21,00 Museo Carlo Zauli

YUVAL AVITAL prepared classic guitar

“Songs of hope and fear” for scordatura and prepared classic guitar

verrà eseguito in prima esecuzione Europea Crossroads No. 3 del compositore Benjamin Yusupov, scritto per Yuval Avital

http://www.yuvalavital.com/

Sabato 5 dicembre ore 18,00 Museo Carlo Zauli

TETRAKTYS PAOLO SORGE electric guitar quartet

from Fred Frith with Goongerah and other ideas

http://www.myspace.com/psorge

In collaborazione con il Do Nucleo Culturale Faenza

La rassegna musicale Notturni al Museo Carlo Zauli giunge quest’anno alla sesta edizione, proponendosi per la prima volta in forma di festival, con tre concerti presentati in tre giorni consecutivi. Nata nel 2004
con l’obiettivo di far incontrare l’arte del secondo novecento, quella a cui Carlo Zauli ha dato il suo importante contributo, ha invitato artisti di rilievo internazionale che hanno eseguito prime esecuzioni, concerti, performances.

Gli interpreti di quest’anno ci accompagneranno in un percorso che mette in stretta relazione la musica antica con quella contemporanea sia di tradizione europea che mediorientale, ascoltata da strumenti quali la vihuela, la chitarra preparata e la chitarra elettrica.

Il primo appuntamento giovedì 3 dicembre alle ore 21 prevede la presentazione del cd “Libros de musica para vihuela” con Massimo Lonardi, fra i massimi interpreti italiani di musica antica, in collaborazione con la casa discografica Stradivarius, etichetta leader nella musica antica e contemporanea italiana. La vihuela ebbe una vita piuttosto breve: dall’edizione di El Maestro(1535-36), che fu la prima intavolatura stampata in Spagna, alla scomparsa dello strumento trascorse poco piu’ di mezzo secolo. Tuttavia in questo breve arco di tempo furono composti e pubblicati i numerosi libri di intavolatura che, per l’eccelsa qualità artistica, pongono la musicaper vihuela ai vertici della produzione strumentale del Rinascimento. Massimo Lonardi svolge un’intensa attività concertistica con il liuto e la chitarra rinascimentale, la vihuela e l’arciliuto dedicando particolare attenzione a questo repertorio, del quale ha curato alcune edizioni critiche. Nel cd Libros de Musica para vihuela ci presenta un’accattivante panoramica di questo strumento poco noto al grande pubblico.

Il secondo concerto venerdì 4 dicembre alle ore 21, propone Yuval Avital virtuoso chitarrista israeliano che lavora da anni combinando musicalmente elementi della tradizione mediorientale con quella colta europea. Presenterà in prima esecuzione assoluta “Songs of hope and fear for scordatura and prepared classic guitar”.Yuval Avital è nato a Gerusalemme nel 1977. Compositore e direttore di progetti musicali e multimediali, chitarrista solista di musica classica e contemporanea, i suoi lavori coinvolgono una grande varietà di stili e generi, combinando diverse tradizioni ed epoche, unendo nuovo e antico, semplice e complesso. L’incontro tra musica modale, world music e atonale post-dodecafonica forma un linguaggio veramente innovativo che dimostra un’invisibile ma profonda linea di collegamento tra diverse tradizioni sonore. I progetti di Avital coinvolgono grandi maestri da tutto il globo, come accade nei concerti creati dal 2006 per il “Trialogo festival”. La sua attività di chitarrista comprende numerose esibizioni, concerti, tour, partecipazioni a festival internazionali, registrazioni e live presso radio e televisioni, dalla Danimarca alle Filippine, dal Kazakhistan al Portogallo, dalla Cina al Canada.

L’ultimo appuntamento sabato 5 dicembre propone Paolo Sorge electric guitar quartet nel progetto TETRAKTYS “from Fred Frith with Goongerah and other ideas”. Caratterizzato dalla lettura di trascrizioni di varia provenienza, il progetto offre al pubblico un campionario il più possibile ampio delle potenzialità sonore di questo inusuale insieme strumentale. Si passa da alcune partiture di Fred Frith (il brano Goongerah e la suite The As Usual Dance Towards the Other Flight to What Is Not, entrambe composizioni concepite in origine per lo stesso Fred Frith Guitar Quartet ed in seguito generosamente regalate dal compositore direttamente a Paolo Sorge), ad alcune partiture algoritmiche di Elliott Sharp a composizioni totalmente improvvisate.

I Notturni sono svolti in collaborazione con l’Assessorato alla Cultura del Comune di Faenza, Diatonia che ne è la promotrice, la Scuola Comunale di Musica “G. Sarti”, Stradivarius the leading italian classical music label e Teatro per la Pace Forlì.

Il curatore musicale è Donato D’Antonio.

Tutti i concerti si terranno nella sala degli altorilievi.

Per informazioni:

Museo Carlo Zauli, via della Croce 6 48018 Faenza (RA) 0546.22123

info@museozauli.it – museozauli.it 



IL MCZ VA A SCUOLA

Atelier sui diritti dei bambini

18 novembre 2009

Scuola Tolosano – Classe IIA

Museo Carlo Zauli – Atelierista Anna Maria Taroni

In occasione della giornata per i diritti dell’Infanzia e dell’adolescenza, il Museo Carlo Zauli va a scuola.

Il 18 novembre 2009 dalle ore 10.30 alle 12.30 incontra la classe II A della scuola Elementare Tolosano di Faenza, per fare insieme ai bambini un percorso sui diritti.

In particolare modo verrà sviluppato il diritto all’educazione/istruzione:

Articolo 13 – Hai il diritto di imparare e di esprimerti per mezzo delle parole, della scrittura, dell’arte e così via…

Articolo 28 – Hai il diritto di ricevere un’istruzione…

Articolo 29 – lo scopo della tua istruzione è di sviluppare al meglio la tua personalità, i tuoi talenti…

La narrazione di riferimento da cui si dipanerà l’atelier è “La caramella istruttiva” tratta dalle Favole al telefono di Gianni Rodari.

L’atelier si svilupperà con materiali grafico pittorici. 


Ai bambini verrà fatta fare una riflessione sull’importanza dell’istruzione e della cultura.

Partendo dalla narrazione i bambini realizzeranno delle pozioni ricche di cultura per poi costruire metaforicamente una caramella istruttiva avendo modo di rielaborare le esperienze vissute all’interno dell’atelier.


Privacy Settings
We use cookies to enhance your experience while using our website. If you are using our Services via a browser you can restrict, block or remove cookies through your web browser settings. We also use content and scripts from third parties that may use tracking technologies. You can selectively provide your consent below to allow such third party embeds. For complete information about the cookies we use, data we collect and how we process them, please check our Privacy Policy
Youtube
Consent to display content from - Youtube
Vimeo
Consent to display content from - Vimeo
Google Maps
Consent to display content from - Google
iscriviti alla newsletter