iscriviti alla newsletter

CALANCHI, ACQUA, ARGILLA

Festival dei calanchi e delle argille azzurre


CALANCHI, ACQUA, ARGILLA

performance e workshop a cura di Veronica Bassani e Lorenzo Travaglini

17 settembre 2022

CAUSA MALTEMPO, L’EVENTO SI TERRA’ AL MUSEO CARLO ZAULI

 

C’era una volta, e una volta non c’era… una leggenda su questo luogo. Una fonte miracolosa. Argille azzurre e magiche. Una bambina con la sua bambola. Musica e suoni antichi. Una strega e tanto altro… Lettura musicata dal vivo con workshop.

 

Programma

Sabato 17 settembre 2022
Ex ristorante e terme di San Cristoforo, via San Cristoforo Faenza (RA)
18.00 -20.00: performance e workshop

 

Informazioni e prenotazioni

Quota di partecipazione € 15,00
Per prenotazioni: Veronica Bassani – 339.4584683

 

 

 

 

Evento all’interno del Festival dei Calanchi e delle Argille Azzurre.
Finanziato nell’ambito del progetto Atmosfere Faentine 2022 da Regione Emilia-Romagna e Unione della Romagna Faentina.


ARGILLA’ ITALIA

ARGILLA’ ITALIA
2 – 3 – 4 settembre 2022

 

 

Argillà Italia è il lungo weekend della Ceramica a Faenza, una delle capitali mondiali della maiolica, da cui ha origine il termine Faïence.

Durante Argillà il Museo Carlo Zauli sarà aperto nei seguenti orari con ingresso gratuito:
Venerdì 2 settembre: 10.00 – 13.00 e 15.00 – 19.00.
Sabato 3 settembre: 10.00 – 13.00 e 15.00 – 19.00
Domenica 4 settembre: 10.00 – 13.00

Eventi durante Argillà:

Dedicazione dei laboratori ISIA a Carlo Zauli
Giovedì 1 settembre 2022 alle ore 11.30, si terrà la cerimonia di dedicazione dei laboratori di ISIA Faenza a Carlo Zauli, considerato indiscutibilmente uno dei ceramisti scultori più importanti del Novecento. Nell’atrio monumentale di Palazzo Mazzolani, sede dell’istituto faentino, sarà inoltre installata l’opera La grande Natura del 1986, grazie a un accordo di comodato gratuito con il Museo Carlo Zauli. L’evento avviene in occasione del ventennale della scomparsa di Carlo Zauli.
www.isiafaenza.it

Installazione speciale “Anteprima Festival delle Argille Azzurre”
e videoproiezione “20MCZ”
Durante i giorni di Argillà, sarà possibile vedere al Museo Carlo Zauli l‘installazione speciale “Anteprima Festival delle Argille Azzurre”. Il progetto si terrà da Venerdì 9 a Domenica 18 Settembre 2022 e ha come obiettivo la valorizzazione della zona geografica dei cosiddetti “calanchi delle argille azzurre”, un’area geografica compresa tra i territori di Faenza, Brisighella, Riolo Terme, Castel Bolognese.
Un territorio che comprende terrazze panoramiche, scorci mozzafiato, argille pregiate, fonti di acqua termale, vigne e coltivazioni pregiate e che è oggetto di innumerevoli storie, narrazioni, leggende.
Un’area che è alla base dell’intera storia della ceramica di tutto il nostro territorio e che fu d’ispirazione per molti artisti, ed in particolare Carlo Zauli, che a queste terre dedicò tanta parte del suo lavoro artistico; un’area, dunque che in pochissimi chilometri quadrati raccoglie meraviglie naturalistiche e culturali, ponendo le basi di un doppio binario che questo progetto vuole percorrere.
Un progetto che è al tempo stesso di audience development e di turismo culturale e che si realizzerà attraverso diverse attività: mostre, trekking culturali, performance di teatro, musica e arti visive,
laboratori per bambini, degustazioni, laboratori narrativi e workshop.

Durante Argillà sarà visibile inoltre la videoproiezione “20MCZ”. Il 2022 è per il Museo un anno speciale in quanto ricorre il ventennale della morte di Carlo Zauli (1926 / 2002) e i 20 anni dalla nascita del Museo Carlo Zauli, considerato oramai in ambito internazionale un centro nevralgico per la ceramica contemporanea.

Play with clay | workshop + exhibition
In occasione di Argillà 2022 Latte Project e Museo Carlo Zauli hanno il piacere di ospitare lo studio di ceramica contemporanea Cave Contemporary di Grottaglie, che propone il progetto artistico Play with clay | workshop + exhibition. Il workshop, ospitato negli spazi del Museo Zauli, è indirizzato ai piccoli artisti che saranno inviati a realizzare un “kit da spiaggia” in argilla autoprodotta Cave. I giovani partecipanti avranno la possibilità di sperimentare la manipolazione della materia attraverso il gioco, vivendo il contatto diretto con la terra. A laboratorio ultimato saranno presenti un totale di 268 elementi, che sono la rappresentazione simbolica dei chilometri che congiungono lo spazio Cave alla città di Faenza. Le sculture nate dal workshop andranno a far parte dell’installazione all’interno dello spazio espositivo Latte, che simulerà l’ambiente cava argillosa. La superficie del project space sarà popolata da escavatori e camioncini giocattolo in argilla, dinosauri e attrezzi da archeologo, che andranno ad invadere, modellare e agire sullo spazio stesso. I piccoli oggetti, lasciati in argilla cruda, sono la rappresentazione simbolica del “work in progress”, e dell’analogia che intercorre tra l’argilla come infinita generatrice di forme, e i giovani scultori che si approcceranno ad essa.
L’allestimento e l’iter del progetto è a cura di Gioele Melandri e Arianna Zama.

2 settembre: workshop al Museo Carlo Zauli dalle 15.30 alle 18.30 (3 turni da 1H, max. 15 partecipanti per turno).
La partecipazione è gratuita previa prenotazione via mail a: latteprojectspace@gmail.com
Il laboratorio è rivolto a bambine e bambini dai 6 ai 13 anni.

3 – 4 settembre: mostra presso LATTE PROJECT SPACE, via Sarti 9 Faenza.
Sabato 3 avrà luogo l’inaugurazione alle ore 18.30, domenica 4 sarà visitabile nelle seguenti fasce orarie: 10.00-13.00 / 16.30-21.00.

Presentazione dell’edizione limitata “Vaso stele”
Il 2 settembre alle ore 18.00 verrà presentata l’edizione limitata “Vaso stele” realizzata in esclusiva per il ventennale del Museo Carlo Zauli insieme a Manifatture Sottosasso.

Visita guidata in bicicletta “Il sogno della scultura”
Sabato 3 settembre si terrà una visita guidata in bicicletta “Il sogno della scultura” con Matteo Zauli, alla scoperta di luoghi e opere della Faenza scultorea del Novecento: Museo Carlo Zauli – Studio Ivo Sassi- Studio Guido Mariani.
Partenza della visita presso il Museo Carlo Zauli, Faenza alle ore 10.00.
La visita si concluderà alle ore 12.30.
Costo di partecipazione: € 10,00
Prenotazioni via mail a museocarlozauli@gmail.com

Punto informativo terza edizione della lotteria solidale “L’arte di essere unici”
Durante i giorni di Argillà sarà presente al Museo Carlo Zauli un punto informativo di presentazione della terza edizione della lotteria solidale “L’arte di essere unici”.


AZZURRO FRAGILE

Festival dei calanchi e delle argille azzurre


AZZURRO FRAGILE
installazione con opere di Sergia Avveduti, Gaia Carboni, Jacopo Casadei, Marco Ceroni, Silvia Chiarini, Giovanni Pini, Andrea Salvatori, Marco Samorè

10 settembre 2022 ore 19.00

Ex ristorante e terme di San Cristoforo, via San Cristoforo Faenza (RA)

 

Un ampio progetto di arti visive affidato ad artisti di rilievo nazionale ed internazionale che hanno vissuto, vivono, frequentano il nostro territorio o transitano per esso.
L’installazione dialoga con lo spazio dell’ex ristorante e terme di San Cristoforo, la palazzina che ospitava il bar ristorante oggi in disuso, costruita da Luigi Ranieri nel 1924 e considerata da sempre un luogo di grande fascino per la sua storia.

 

La mostra è visitabile fino al 18 settembre solo su appuntamento.
Per informazioni scrivere a museocarlozauli@gmail.com

 

 

Evento all’interno del Festival dei Calanchi e delle Argille Azzurre.
Finanziato nell’ambito del progetto Atmosfere Faentine 2022 da Regione Emilia-Romagna e Unione della Romagna Faentina.


EMILIA ROMAGNA FESTIVAL – MASSIMO FELICI

 

Emilia Romagna Festival – Rassegna musicale inTempo XI edizione 
Massimo Felici, chitarra 
Martedì 23 agosto ore 21.00 Museo Carlo Zauli 

 

InTempo è un’occasione per ascoltare concerti di musica colta in città, propedeutica alla stagione Teatro Masini Musica 2022. Direzione Artistica: Donato D’Antonio.

Martedì 23 agosto alle ore 21.00 il Museo Carlo Zauli ospiterà il concerto di Massimo Felici, chitarra.
Ingresso gratuito, fino a esaurimento posti; non è prevista prenotazione.
Ore 19.45 visita guidata al Museo Carlo Zauli (prenotazione a ERF 0542 25747).
Per informazioni: www.emiliaromagnafestival.it

 

Programma: 

LEO BROUWER

Canticum

Homenaje à Szymanovski

Fuga n. 1

MARIO CASTELNUOVO-TEDESCO

Tonadilla sul nome di Andrés Segovia

Greeting Card n. 5 op. 170

VICENTE ASENCIO

Collectici ìntim

La Serenor

La Joia

La Calma

La Gaubança

La Frisança

STEPHEN DODGSON

Partita I

MAURO GIULIANI

Arie nazionali scozzesi

Coming Through The Rye

The Blue Bells Of Scotland

The Old Country Bumpkin

DOMENICO CIMAROSA

Sonata in re minore

HENRY PURCELL

Dido and Aeneas

Introitus

Recitativo: “Thy hand, Belinda”

Dido’s Lament: “When I am laid in Earth”


Cinemadivino al MUSEO CARLO ZAULI

CINEMADIVINO AL MUSEO CARLO ZAULI
Il cinema di Francesco Minarini
Degustazione vini: Podere La Berta

29 settembre 2022 

 

 

 

Anche quest’anno il Museo Carlo Zauli, in collaborazione con Podere La Berta, ospita nel proprio giardino la rassegna Cinemadivino.
Un modo per ricordare e tributare Valter Dal Pane, ideatore di questa fortunata rassegna e di molti progetti culturali ed enogastronomici del nostro territorio.
Ed è in accordo con questo spirito che la serata sarà dedicata a Francesco Minarini, che da quasi trent’anni realizza cortometraggi, più volte premiati dalla critica, che parlano il linguaggio del nostro territorio, esaltandone le più peculiari caratteristiche. Cortometraggi a km 0, spesso realizzati nella sua città – Castel Bolognese – in un solo giorno, con toni da commedia spesso venati da accenti malinconici.
La passione per il cinema di Minarini viene dalla propria famiglia, da sempre proiezionisti, e lo ha portato a realizzare fino ad oggi 25 cortometraggi. Il suo primo corto, “Je t’aime”, vinse il primo premio tra 200 film al concorso “visioni italiane” della cineteca di Bologna. Riconoscimento a cui sono seguiti molti altri premi in tutto l’arco della propria carriera.

Cortometraggi in programma:

La mia ragazza (2000) 4,14
La musica prima di tutto (1998) 1,04
Ci conosciamo? (2002) 12,52
I lettori (2003) 10,37
A giochi fatti (2019) 16,25
Emozioni in partenza (2022) 9,04
La metà della metà (2011) 14,10

Informazioni:
  • Accoglienza dalle ore 19,30
  • Proiezione film: ore 21,00
  • Prezzi:
    Visione film + degustazione vini: 16 €
    Solo film: 8 €
  • Riduzioni:
    Under 18 > 6 € (solo film)
    Tesserati/Soci: IoBevoRomagnolo, Slow Food, Tempi di Recupero, IF Emilia Romagna, Ravenna Incoming > 14 € film + degustazione / 6 € solo film
    Possessori delle seguenti tessere/Soci/Collaboratori: Caritas, Linea Rosa, Banco Alimentare >
    13 € film + degustazione / 5 € solo film
 
Prenotazioni:

Cinemadivino: 366 5925251 da lunedì a venerdì

 

 


MCZ TERRITORIO – CATERINA MORIGI “CRATERI”

MCZ TERRITORIO 

Caterina Morigi “CRATERI”
in collaborazione con Galleria Studio G7 Bologna

Opening: 13 luglio 2022 ore 19.00
Dal 14 luglio al 27 agosto 2022 Museo Carlo Zauli

 

Nel 2022 MCZ Territorio è dedicato a Caterina Morigi (Ravenna, 1991).
Il progetto MCZ Territorio si sviluppa in un percorso, dedicato ad artisti locali, promosso dal Museo Carlo Zauli, pensato per favorire scambi ed esperienze “ceramiche” e quest’anno dedica la propria attenzione a Caterina Morigi.

Caterina vive e lavora a Bologna. Ha studiato Arti Visive allo IUAV di Venezia e Paris8. La sua ricerca si concentra sulle declinazioni della materia, mantenendo l’attenzione verso i suoi aspetti meno evidenti, talvolta celati all’interno. Per affrontare la sostanza delle cose si serve di uno sguardo ravvicinato, osservando l’effetto del tempo sulle forme, in superficie e in profondità, facendo in modo che l’opera sia sempre dipendente dalle sue trasformazioni fisiche e connessa con lo spazio circostante. Caterina Morigi sovrappone organico e inorganico per sondare la relazione imprescindibile tra uomo e natura.

In collaborazione con Galleria Studio G7 Bologna.

 

Caterina Morigi “CRATERI”
Opening: 13 luglio 2022 ore 19.00
La mostra sarà visitabile dal 14 luglio al 27 agosto 2022
Museo Carlo Zauli 

CERAMICOOP – CERAMIC AND CULTURE CREATING INTERCULTURAL FRIENDSHIPS AND INTERNATIONAL COOPERATION

CERAMICOOP
Ceramic and culture creating intercultural friendships
and international cooperation

Faenza sede di un workshop di ceramica di livello internazionale
dal 9 al 16 luglio 2022

 

 

 

L’Associazione Strada Europea della Ceramica è capofila del progetto CERAMICOOP – Ceramic and culture creating intercultural friendships and international cooperation – cofinanziato dal Programma Erasmus+.

Il progetto Ceramicoop, cofinanziato dal Programma europeo Erasmus+ Azione KA1 (Mobilità dei giovani), rappresenta il primo progetto approvato durante la fase di rinnovamento della Strada Europea della Ceramica, a cui ne sono susseguiti altri, come Walkeur (Europa creativa) e Youth4Culture (Erasmus+), attualmente in gestione.

Il progetto coinvolge, oltre alla Strada Europea della Ceramica, 3 partner internazionali: la Scuola d’Arte Saules di Daugavpils, Lettonia, il Centro di Ceramica Contemporanea Benyamini di Tel Aviv (Israele), il Centro Youth Spirit di Amman (Giordania).

A causa della pandemia, le attività di Ceramicoop sono state “sospese” per oltre due anni e, finalmente, dopo così tanto tempo, Faenza sarà sede di un workshop di ceramica di livello internazionale dal 9 al 16 luglio 2022.
I ragazzi trascorreranno un’intensa settimana di soggiorno, con attività laboratoriali, teoriche e visite al fine di approfondire le proprie competenze e abilità ceramiche, dando vita a nuove opere basate sulla reciproca conoscenza culturale.
Il progetto mira, infatti, anche a promuovere la consapevolezza di altre culture e incoraggiare i giovani a una maggiore partecipazione alla società.

Il 15 luglio alle ore 18.00 al Museo Carlo Zauli sarà inaugurata la mostra delle opere in ceramica realizzate dai partecipanti al progetto Ceramicoop.

 

Il progetto è realizzato dall’Associazione Strada Europea della Ceramica e dal Comune di Faenza, con la collaborazione di:

Scuola Comunale di Disegno Minardi

Argo Project

Museo Carlo Zauli

Associazione Gino Geminiani

 


 

Il progetto è co-finanziato dal Programma Erasmus+ Azione KA1 Youth Mobility.


SIAMO TUTT* ARTEMIDE _ SORELLE FESTIVAL III EDIZIONE

SIAMO TUTT* ARTEMIDE _ Sorelle Festival III edizione
Domenica 20 marzo dalle 18.00 alle 20.00
visita guidata e laboratorio al Museo Carlo Zauli
PRENOTAZIONE OBBLIGATORIA 

 

All’interno di SIAMO TUTT* ARTEMIDE _ Sorelle Festival III edizione, domenica 20 marzo dalle ore 18.00 alle 20.00 si terrà al Museo Carlo Zauli la visita guidata con Laura Zauli + laboratorio ceramico Dual Green con Monica Zauli.

Il pubblico sarà guidato dalle sorelle Zauli tra le sale della collezione e in un intenso laboratorio immersivo rivolto ad ogni tipo di utenti. Le scelte naturalistiche che hanno contraddistinto l’opera di Zauli, dunque, saranno il fil rouge dell’evento.

Il costo del laboratorio + visita guidata è di euro 15,00.
Per info e prenotazioni: museocarlozauli@gmail.com

 


PRESENTAZIONE PROGETTO “I CALANCHI TRA STORIA, ARTE E NATURA”

Presentazione progetto “I calanchi tra storia, arte e natura”
Lunedì 20 dicembre ore 19.00 Museo Carlo Zauli

– Esiti del laboratorio letterario “I calanchi della Romagna Faentina.
Narrazioni tra storia e immaginazione”.

– Proiezione del video “I calanchi della Romagna Faentina tra storia, arte e natura”
– Mostra “Azzurro fragile / prima parte” con opere di Sergia Avveduti, Massimo Bartolini, Jacopo Casadei, Silvia Chiarini, Andrea Salvatori, Marco Samorè, Carlo Zauli. 
– Installazione / Anteprima progetto fotografico a cura di Gruppo Fotografia Aula 21

 

Il progetto “I calanchi tra storia, arte e natura” ha come obiettivo la valorizzazione della zona geografica dei cosiddetti “calanchi delle argille azzurre”, un’area geografica compresa tra i territori di Faenza, Brisighella, Riolo Terme, Castel Bolognese. Un territorio che comprende terrazze panoramiche, scorci mozzafiato, argille pregiate, fonti di acqua termale, vigne e coltivazioni pregiate e che è oggetto di innumerevoli storie, narrazioni, leggende.
Un’area che è alla base dell’intera storia della ceramica di tutto il nostro territorio e che fu d’ispirazione per molti artisti, ed in particolare Carlo Zauli, che a queste terre dedicò tanta parte del suo lavoro artistico; un’area, dunque che in pochissimi chilometri quadrati raccoglie meraviglie naturalistiche e culturali, ponendo le basi di un doppio binario che questo progetto vuole percorrere.

Un progetto che è al tempo stesso di audience development e di turismo culturale e che si è realizzato attraverso diverse attività: attività di trekking culturali, laboratori ceramici, laboratorio narrativo, attività video e cinematografiche, progetti espositivi.

Il progetto proseguirà nella primavera – estate 2022 con la presentazione del progetto del Parco Culturale delle argille azzurre e dei calanchi faentini, con una mostra di arti visive diffusa, allestimento segnaletiche narrative, spettacoli di teatro e musica, laboratori, trekking culturali.

 

Esiti del Laboratorio letterario “I calanchi della Romagna Faentina. Narrazioni tra storia e immaginazione”

Presentazione dei testi nati nel laboratorio al Museo Carlo Zauli e in molti altri luoghi del territorio.
Il laboratorio si è svolto sabato 20 novembre e domenica 21 novembre al Museo Carlo Zauli a Faenza e in altri luoghi del territorio.
Docenti: Cristiano Cavina, Sandro Bassi, Michele Donati, Andrea Zauli, Monica Zauli.
Testimonianze di Stefano Di Censo, Roberto Ranieri, Matteo Zauli.
Testi di Federica Cinquepalmi, Patrizia Malizia, Liana Nati, Roberto Ranieri, Sara Stampa, Monica Zauli.

Proiezione del video “I calanchi della Romagna Faentina tra storia, arte e natura”

A cura di Riccardo Calamandrei e Matteo Zauli; con Alfonso Nadiani, Marta Potenza e Gianluca Belletti; musiche di Silvia Valtieri e Marco Liverani.
Obbiettivo primario del progetto è quello di valorizzare il territorio dei calanchi della Romagna Faentina dal punto di vista culturale, senza celarne le indubbie e rinomate bellezze paesaggistiche e le tipicità eno-gastronomiche.
In questa prospettiva abbiamo realizzato un video spot, che mettiamo da oggi a disposizione di tutti gli attori pubblici e privati del territorio, che ne esalta le peculiarità.
Un progetto video realizzato dal videomaker Riccardo Calamandrei ed interpretato da Alfonso, noto attore, poeta e narratore, paladino della diffusione del nostro dialetto e da Gian Luca Belletti, cicloturista della società sportiva Leopodistica, che ha generosamente collaborato a diverse fasi di questo progetto.
Guarda il video a questo link.

“Azzurro fragile / prima parte”

Opere di Sergia Avveduti, Massimo Bartolini, Jacopo Casadei, Silvia Chiarini, Andrea Salvatori, Marco Samorè, Carlo Zauli.
Nato all’interno del progetto dedicato ai calanchi faentini, “Azzurro Fragile / prima parte” è il primo passo di un ampio progetto di arti visive affidato ad artisti di rilievo nazionale ed internazionale che hanno vissuto, vivono, frequentano il nostro territorio o transitano per esso.
Aprono la mostra due opere della collezione permanente del Museo: un Rilievo in gesso di Carlo Zauli, che svela la propria fascinazione, fondamentale in tutta la propria parabola scultorea, per i panorami e le morfologie tipiche proprio dei calanchi della sua terra; una coppia di zolle di Massimo Bartolini, opere che l’artista toscano produsse nel corso di un produzione presso il nostro museo tra il 2018 ed il 2019, nate proprio come omaggio a Carlo Zauli.
Accanto alle due opere della collezione permanente la mostra vedrà installate nelle storiche e suggestive sale del Museo opere tecnicamente molto eterogenee ispirate o appositamente realizzate per questo progetto, di cui la tappa attuale rappresenta il primo nucleo che si svilupperà nella primavera – estate del prossimo anno.

Installazione / Anteprima del progetto fotografico a cura di Gruppo Fotografia Aula 21

Un ulteriore livello progettuale legato ai nostri calanchi è e sarà, più ampiamente nel corso del 2022, affidato alle interpretazioni e sperimentazioni fotografiche di Gruppo Fotografia Aula 21, giovanissima associazione che si sta contraddistinguendo per i propri progetti e la propria vitalità sul nostro territorio.


 

L’iniziativa “I calanchi tra storia, arte e natura” è realizzata con il contributo della Regione Emilia-Romagna e dell’Unione della Romagna Faentina, all’interno del progetto ATMOSFERE FAENTINE 2021


I CALANCHI DELLA ROMAGNA FAENTINA. NARRAZIONI TRA STORIA E IMMAGINAZIONE. LABORATORIO LETTERARIO

I CALANCHI DELLA ROMAGNA FAENTINA. NARRAZIONI TRA STORIA E IMMAGINAZIONE. LABORATORIO LETTERARIO

0 POSTED BY  – 6 NOVEMBRE 2021 – TERRITORIO

I calanchi della Romagna Faentina. Narrazioni tra storia e immaginazione.

Laboratorio letterario
sabato 20 e domenica 21 novembre 2021
Museo Carlo Zauli e molti altri luoghi del territorio

 

 

Inizio laboratorio: sabato 20 novembre alle ore 10.00 al Museo Carlo Zauli, via della Croce 6 Faenza.

Il laboratorio è gratuito ed è aperto ad un numero massimo di 8 persone ed è finalizzato alla pubblicazione di racconti e testi poetici che traggano ispirazione dalle storie e dalle suggestioni di quel tratto di territorio compreso tra Castel Raniero e Brisighella da un lato e la strada Firenze – Faenza e Riolo Terme, dall’altro.

Docenti: Cristiano Cavina, Sandro Bassi, Michele Donati, Andrea Zauli, Monica Zauli.
Testimonianze di Stefano Di Censo, Roberto Ranieri, Matteo Zauli.

Fasi del progetto:

1. Introduzione: cenni di metodologia narrativa e poetica con Cristiano Cavina;
2. Testimonianze;
3. Sopralluoghi e conoscenza sul campo con Sandro Bassi;
4. Revisione dei racconti e poesie nate dal laboratorio.

Calendario laboratorio:

Sabato 20 novembre:
– ore 10.00 – 13.00. Introduzione: cenni di metodologia narrativa con Cristiano Cavina;
– ore 14.00 – 16.00. Introduzione: cenni di composizione poetica con Michele Donati;
– ore 16.00 – 19.00. Trasferimento a Podere La Berta e incontro – testimonianza con Stefano Di Censo, direttore di Podere La Berta e, a seguire, testimonianza di Roberto Ranieri, proprietario dell’ex albergo San Cristoforo.

Domenica 21 novembre: 
– ore 9.30 – 12.00. Ritrovo al Parco della Punta degli Orti e partenza per il trekking naturalistico e narrativo, a cura di Sandro Bassi;
– ore 12.00 – 13.00. Trasferimento all’agriturismo Oasi: scrittura e sceneggiatura e testimonianza – incontro con Andrea Zauli;
– ore 15.00 – 18.00. Testimonianze e racconti sul tema con Massimo Caroli, Matteo Zauli, Monica Zauli.

Dal 4 al 11 dicembre 2021, con modalità online: revisione dei racconti e poesie nate dal laboratorio.

Lunedì 20 dicembre 2021 ore 19.00: presentazione dei testi nati nel laboratorio al Museo Carlo Zauli.

 
Per iscrizioni: museocarlozauli@gmail.com
 

 

L’iniziativa “I calanchi tra storia, arte e natura” è realizzata con il contributo
della Regione Emilia-Romagna e dell’Unione della Romagna Faentina,
all’interno del progetto ATMOSFERE FAENTINE 2021


Privacy Settings
We use cookies to enhance your experience while using our website. If you are using our Services via a browser you can restrict, block or remove cookies through your web browser settings. We also use content and scripts from third parties that may use tracking technologies. You can selectively provide your consent below to allow such third party embeds. For complete information about the cookies we use, data we collect and how we process them, please check our Privacy Policy
Youtube
Consent to display content from - Youtube
Vimeo
Consent to display content from - Vimeo
Google Maps
Consent to display content from - Google
iscriviti alla newsletter