Al Museo Carlo Zauli #laculturanonsiferma e per questo aderisce all’iniziativa promossa dall’assessorato Cultura e Paesaggio della Regione Emilia-Romagna per promuovere una serie di azioni che possano contribuire a mantenere viva l’offerta culturale del territorio in questa fase di emergenza sanitaria.
Per tutti #laculturanonsiferma e questo difficile periodo non impedisce la divulgazione di contenuti culturali attraverso piattaforme digitali, per mantenere vivo un rapporto con gli utenti abituali dei siti culturali e con i cittadini.

Anche al Museo Carlo Zauli #laculturanonsiferma, partecipando a questa iniziativa con video, interviste e visite guidate online sul canale “Arte e Mostre” – promosso dalla Regione Emilia-Romagna all’interno di EmiliaRomagnaCreativa così come su Turismo Emilia Romagna il blog di APT Servizi Emilia-Romagna.

 

L’Emilia Romagna a casa tua
Andare per musei
ascolta l’INTERVISTA A MATTEO ZAULI
#inEmiliaRomagna
#laculturanonsiferma

L’Emilia Romagna a casa tua
Andare per musei
ascolta IL MUSEO CARLO ZAULI DI FAENZA
#inEmiliaRomagna
#laculturanonsiferma

 

Faenza è protagonista nella striscia quotidiana #laculturanonsiferma un palinsesto di spettacoli, concerti, film, video ed eventi, organizzato dalla Regione Emilia-Romagna in collaborazione con il mondo della cultura dell’Emilia-Romagna per dare un segno della vicinanza e del legame con i cittadini alle prese con l’emergenza causata dal Coronavirus.
Sono 10 i video-documentari che Faenza ha realizzato appositamente per questo contenitore digitale, voluto dalla Regione Emilia-Romagna e visibile sulle piattaforme regionali di EmiliaRomagnaCreativa e Lepida Tv per dare il segno di una vicinanza al proprio pubblico isolato a casa e per sviluppare in parallelo un racconto sulle tante facce della produzione artistica e culturale in regione.
Tutti i video sono stati realizzati da Andrea Salvatori Neri.
Un progetto del Comune di Faenza, in collaborazione con Ente Ceramica Faenza.

 

Nel ventre dell’artista 
Il Museo Carlo Zauli
guarda il video 
#laculturanonsiferma